06.4870125 06.87459039   nazionale@uilrua.it   Contattaci

speciale coronavirus

Giu 04

2020 06 03 DM didattica AFAMIl Ministro dell'Università e della Ricerca prof. Gaetano Manfredi ha emanato un Decreto che disciplina lo svolgimento delle attività didattiche durante l'Emergenza Covid - 19.

Va ricordato che il DPCM del 26 aprile ha dato la possibilità di svolgere gli esami in presenza, pur confermando la sospensione delle attività didattiche in presenza fino al 14 giugno, disposte con il DPCM del 16 maggio.

Mag 29

2020 05 29 INFN comunicato 26 maggio 2020Il giorno 26 maggio alle ore 14.30 si è svolto in video conferenza, l'incontro tra la delegazione INFN composta dal Dr. P. Campana, Presidente della delegazione trattante, dal Dr. R. Carletti Direttore Affari del Personale, dal Dr. Oscar Adriani Direttore della Sezione di Firenze e le OO.SS. Nazionali di categoria CGIL - CISL - UIL - Gilda, sui seguenti temi all'odg:

Mag 21

2020 05 21 ANPAL comunicato unitario incontro 19 05 2020In data 19 maggio il Direttore Generale dell'ANPAL ha incontrato le sigle sindacali e la RSU per discutere del protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto ed il contenimento della diffusione del virus Covid - 19 negli ambienti di lavoro.

2020 05 19 apertura tavoli tematiciSi sono svolti oggi 19 maggio i primi tre incontri in videoconferenza, con il Ministero per l'avvio dei tavoli tematici da noi richiesti nell'incontro del 5 maggio scorso.

Come UIL RUA abbiamo evidenziato la necessità che il Ministro si esprima in modo chiaro ed inequivocabile su due aspetti fondamentali e propedeutici all'apertura dei tavoli tematici legati allo spacchettamento del Ministero: la predisposizione dell'Atto di indirizzo per la costituzione del Comparto unico di Ricerca, Università e Afam e l'inderogabile mantenimento delle AOU e dei Policlinici Universitari nel Comparto che si verrà a creare.

Mag 11

2020 05 11 ISTAT comunicato UILSCUOLARUA 15 Il riconoscimento è unanime. C'è sempre chi dice: si potrebbe fare meglio. Ma nella sostanza questa amministrazione in materia di COVID 19 si sta muovendo al meglio di molte altre realtà della PA. Un apprezzamento che esprimiamo e confermiamo.

Ma compito di una OS è quello di non lasciare niente e nessuno indietro.

I quadri dirigenti di questa UIL sono stati formati per guardare ai problemi, prima che arrivino, anziché farvi fronte dopo averli attesi. Cosi le donne e gli uomini che operano in questa UIL ritengono che al di là del tema stretto Emergenza Covid -19 è necessario intervenire proprio in considerazione della grave situazione che si è creata:

Mag 09
CNR

2020 05 09 monitoraggio attivita CNRInaspettata nei tempi e nei modi la diffusione da parte dell'Amministrazione a tutto il personale del rilascio di un "specifica procedura informatica per il monitoraggio delle attività svolte", all'interno della scrivania digitale.

Infatti, nel mentre eravamo in attesa della diramazione del "Protocollo per la prevenzione e sicurezza del personale dipendente del CNR in relazione all'emergenza sanitaria da Covid 19", appena "faticosamente" firmato, l'Amministrazione come un fulmine a ciel sereno ha diffuso indicazioni di tutt'altra natura, con una modalità assolutamente irrispettosa del ruolo delle OO.SS. (ancora una volta non preventivamente informate), e che francamente denotano una scarsa conoscenza della complessità e peculiarità Rete Scientifica dell'Ente.

Mag 09
CNR

2020 05 09 protocollo CNRDopo un lungo e delicato confronto nella notte, tra il 7 e 8 maggio, la FLC CGIL, la FIR CISL e UIL SCUOLA RUA hanno sottoscritto con l'Amministrazione "Protocollo per la prevenzione e sicurezza del personale dipendente del CNR in relazione all'emergenza sanitaria da Covid 19".

Nel documento, dove si ribadisce con forza che la salute e la sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori dell'Ente sono elementi prioritari da salvaguardare, sono definite, al tempo stesso, le condizioni per una graduale ripresa dell'attività lavorativa.

2020 05 06 lavoro agile comunicazioneGentilissime/i
dal 4 maggio si avvia la cosiddetta Fase 2 e anche per tutto questo periodo il lavoro agile continuerà ad essere la modalità di lavoro che le amministrazioni dovranno mantenere in via prioritaria.

La Uil anche per questa Fase ritiene necessaria la sottoscrizione di un Protocollo, così come avvenuto per la Fase 1, che detti linee guidi uniformi per le amministrazioni. Ricordiamo che per la prima fase le amministrazioni hanno potuto applicare il lavoro agile derogando dagli agli accordi individuali e dagli obblighi informativi di cui agli articoli da 18 a 23 della legge 22 maggio 2017, n. 81. Alla luce anche dell'esperienza maturata è essenziale che l'organizzazione del lavoro si adatti ai nuovi processi e questo percorso lo si potrà fare, a nostro avviso, solo coinvolgendo i lavoratori con nuove relazioni sindacali.

Top of Page