06.4870125 06.87459039   nazionale@uilrua.it   Contattaci

speciale coronavirus

Nov 28

ISFOL sedeIl JOBS ACT intende riformare il mercato del lavoro con decreti delegati che di fatto eliminano ogni possibilità di valutare gli effetti e le conseguenze delle politiche del governo, grazie anche alla creazione di un'Agenzia nazionale per l'occupazione in cui, confluirà l'ISFOL.Tutto questo si realizza anche sulla pelle e sulle prospettive di vita dei 250 PRECARI che lavorano all'ISFOL da oltre un decennio, i cui contratti scadono il 31 dicembre 2014 e che il 1 Gennaio 2015 saranno senza un'occupazione.

Nov 27

ISFOL sedeIL GOVERNO CON IL JOBS ACT CAMBIA IL MERCATO DEL LAVORO.
MA PRIMA SI ASSICURA CHE NESSUNO NE CONTROLLI GLI EFFETTI

Se l'Isfol scompare chi potrà valutare la nuova riforma del mercato del lavoro?

Con il Jobs Act il Governo intende riformare il mercato del lavoro con decreti delegati che eliminano ogni possibilità di valutare gli effetti e le conseguenze delle sue politiche.

Nov 24

ISFOL sedeIl personale e le OO.SS. denunciano che
il Jobs Act, allo stato attuale, crea un'Agenzia nazionale di diretta emanazione del Ministero del Lavoro, la cui istituzione, così come è oggi prevista, prefigura:

Ott 13

ISFOL sedeOn. le Ministro,
da diverso tempo circolano notizie riguardanti l'istituzione di una Agenzia Nazionale per l'Occupazione.

Tale ipotesi sembrerebbe rientrare tra i contenuti della legge delega in materia di mercato del lavoro ("Jobs act"), con la previsione in particolare di un riordino degli Enti strumentali del Ministero del Lavoro e dell'utilizzo delle risorse umane in essi impiegate.

Feb 07

ISFOL sedeIn data odierna è stato convocato dal Direttore Generale dell'ISFOL un incontro tecnico con all'o.d.g. "Criteri determinazione salario accessorio Ricercatori e Tecnologi (IOS)".

In via introduttiva il Direttore Generale ha ribadito che l'Amministrazione non intende procedere in modo unilaterale al blocco dell'erogazione della IOS (IART). L'Amministrazione ritiene invece necessario introdurre dei criteri per l'erogazione della IOS, in considerazione di quanto espresso dal MEF sugli accordi integrativi ISFOL 2011 e 2012. Per tale ragione, l'Amministrazione ha proposto di avviare un confronto preliminare con le OO.SS. per definire congiuntamente ipotesi in vista dell'apertura della prossima tornata contrattuale decentrata.

Feb 06

ISFOL sedeDal sito del Senato della Repubblica apprendiamo che è stato presentato i data 3 febbraio 2014 un DDL recante il titolo "Delega per la predisposizione di uno Statuto dei lavori e disposizioni urgenti in materia di lavoro" a firma dei Senatori Maurizio Sacconi, Gabriele Albertini, Hans Berger e Pier Ferdinando Casini (vd. http://www.senato.it/leg/17/BGT/Schede/Ddliter/43873.htm, mentre per una bozza del testo vd. http://www.nuovocentrodestra.it/wp-content/uploads/2014/02/ddl.statuto-dei-lavori_ncd.pdf).

Gen 29

ISFOL sedeIn data 27 gennaio 2014 si è tenuto l'incontro tra Amministrazione e UIL RUA ISFOL.Rimandando le considerazioni sui singoli punti dell'o.d.g., ad un successivo comunicato, la UIL RUA ISFOL ritiene estremamentegravi le comunicazioni rese dall'Amministrazione al termine dell'incontro in tema di Indennità per gli Oneri Specifici(IOS) per ricercatori e tecnologi. A seguito della comunicazione della Funzione Pubblica del 20/12/13 per l'approvazione delle ipotesi di accordi integrativi 2011 e 2012 ed in particolare delle osservazioni del MEF del 19/12/13 su detti accordi, in buona sostanza l'Amministrazione intende applicare la performance per l'erogazione della IOS e non distribuirla in "maniera indifferenziata". Ciò implicherebbe il blocco della IOS nella busta paga già dal mese di febbraio 2014 (!) in attesa della definizione di criteri utili a garantireuna distribuzione "commisurata al meritoedalla professionalità" dei ricercatori e tecnologi dell'ISFOL.

Top of Page